Il ladro di parole

RACCONTIdi Luigi e Sole LAROCCHI Sembrava un’alba come tutte le altre. Il gallo Beccopossente aveva salutato il sole con il suo inconfondibile canto; gli uccellini, asciugata dalle ali la rugiada notturna al tepore dei primi raggi, si erano librati in volo per andare a svegliare con il loro cinguettio chi...

Continue reading

Il ladro di rubini

RACCONTI di Luigi LAROCCHILa notte era buia. Le nuvole coprivano anche la fievole luce delle stelle; la luna nuova sarebbe sorta solo la sera seguente. Tutto era immobile, tranne una figura nera: furtiva si muoveva tra le cupole del palazzo reale. Poi qualcosa cominciò a penzolare dalla falda del tetto;...

Continue reading

Lo struzzo e il fenicottero

RACCONTIdi Sole e Luigi LAROCCHIC’erano una volta due uccelli molto amici tra loro. Erano candidi e belli come angeli. Andavano spesso in giro per il bosco impettiti come gendarmi e tutti gli animali avevano imparato a rispettarli. I due uccelli un giorno si trovarono coinvolti in una lite: da una...

Continue reading

Lo scienziato e la minestra

I RACCONTI di Luigi LAROCCHI “Credere ad un Dio significa vedere che le cose del mondo non bastano. Credere ad un Dio significa vedere che la vita ha un senso” (Ludwig Wittgennstein). “Chi crede è alla ricerca di un legame personale con Dio ed è pronto a credere a tutto...

Continue reading

Gli abeti di Goffredo

RACCONTI - Gli abeti di Goffredodi Luigi LAROCCHIQuesta storia ha inizio sul Monte Nevoso, là dove gli abeti lasciano il posto ai prati e alle rocce. Provate ad aprire la finestra di casa e a dare una sbirciata fuori. Se avete nelle vicinanze una montagna, provate ad osservare il suo...

Continue reading

Racconti: L’ape Genoveffa

"Con la ragione l’uomo può riconoscere che Dio esiste, ma non come Dio sia veramente. Poiché però Dio desidera essere riconosciuto, Egli si è rivelato.” (Catechismo 50-53, 68-69). L’ape Genoveffadi Luigi LAROCCHI Un giorno un uovo piccolo piccolo cadde dal nido. Non era un uovo come quello di una gallina:...

Continue reading