Comments are off for this post

“Verso l’altro” compie gli anni

di Ricky BARONE

Se qualcuno è andato su fb (Facebook) il 23 Settembre ha sicuramente  notato tra le segnalazioni il compleanno della festa VERSO L’ALTRO. Può essere banale o superficiale che la nota piattaforma ti comunichi questo avvenimento, ma può essere anche motivo di orgoglio e di soddisfazione. Tre anni sono trascorsi dalla prima edizione della festa  che Punto Missione Onlus e il Baule della Solidarietà hanno voluto denominare VERSO L’ALTRO, e che quest’anno portava il sottotitolo di Famiglia, un’impresa meravigliosa. La festa quest’anno è stata un successo, e si è confermata diversa dalle altre, lasciando trasparire dalle sue dinamiche uno stile e un’amicizia che vanno al di là della dimensione umana.

Grazie all’esperienza dettata dalle precedenti edizioni ed al lavoro di decine di volontari quest’anno si è potuto notare un altro passo in avanti da un punto di vista organizzativo, anche se servirebbero molti più volontari per coordinare i diversi momenti, eterogenei ma uniti tutti dal desiderio di incontrare l’Altro, vale a dire:  le Associazioni di volontariato che aderiscono all’iniziativa, il pubblico che vi partecipa, i protagonisti dei momenti culturali e delle varie iniziative, e perfino se stessi. Ognuno infatti in questa tre giorni si mette a nudo, porta la sua gioia, il suo entusiasmo, persino la sua fatica e i propri limiti. Ma è tutto condiviso, una mano aiuta l’altra come si suol dire, perché questa festa, in particolare quest’anno, è proprio un’impresa meravigliosa. Come la famiglia richiamata nel titolo, quella che è stata visitata, sezionata, analizzata, motivata dai diversi relatori, a cominciare dal bravissimo psicopedagogista Osvaldo Poli, che ha inaugurato venerdì 20 Settembre, di fronte ad un numeroso pubblico, la serie degli incontri trattando del tema, attualissimo, de “La fermezza educativa”.

Ad aprire ufficialmente la festa era stata la prima edizione della manifestazione DICORSA VERSO L’ALTRO, una corsa podistica non competitiva di 10 km per gli adulti e di 1,5 km per i bambini e ragazzi. Una corsa che ha radunato circa trecento runners, grandi e piccoli, e che ha visto nella 10 Km la vittoria di Gianluigi Contessi, 40 anni, che ha corso nel fantastico tempo di 35’39”, ottima prestazione se consideriamo il percorso ondulato e con tratti di sterrato. Ed è bello e significativo notare che alcuni tra i corridori ora chiedono  l’amicizia sulla pagina fb di Verso l’Altro.  A fianco di chi ha corso e faticato c’è stato chi invece ha preferito degustare dell’ottimo Franciacorta, attraverso i diversi percorsi enologici pensati dallo staff di “Profit Eno profit”, grazie all’offerta dei vini di 16 prestigiose Cantine, in uno spazio appositamente allestito. Ruolo decisivo nell’economia della festa l’ha svolto come sempre la cucina, quaranta persone costantemente al servizio dei numerosi avventori, che hanno potuto gustare le tipiche specialità locali usufruendo quest’anno del servizio al tavolo.

Ad intrattenere i bambini gli immancabili gonfiabili, sotto lo sguardo vigile degli educatori e lo spettacolo teatrale, molto apprezzato, “Il viaggiatore”, curato dal Teatro Telaio con protagonista l’attore Alessandro Calabrese. Le giornate di Sabato 21 e di Domenica 22 sono state aperte dalle Sante Messe, che hanno marchiato in maniera indelebile la festa, inaugurando tra l’altro, con la celebrazione di padre Antonio Sicari, la stagione 2013-2014 del Mec. Domenica la celebrazione si è conclusa con la tradizionale benedizione dei bambini nel  piazzale del Santuario Madonna della Neve,  come al solito affollato dalle famiglie, catturate dalla fantasia di padre Gigi, che ha celebrato con la solita verve la Santa Messa. Le famiglie si sono poi trasferite negli spazi della Scuola Madonna della Neve, con i bambini di corsa verso i gonfiabili e i genitori impegnati a visitare i gazebo delle Associazioni e ad assistere agli incontri con Emanuela La Fede  (“I genitori visti dai bambini”), Francesco Agnoli, docente, storico, saggista e giornalista (“Famiglia bene di tutti”), Mariella Bombardieri ed Ennio Pasinetti (“In bilico: la separazione dei genitori raccontata dai figli”).

Conclusione della festa affidata alla finalissima del primo Concorso Musicale VERSO L’ALTRO, che ha visto 18 concorrenti, giovani o addirittura giovanissimi (perfino un batterista di 9 anni!), sfidarsi per la conquista dei premi in palio per  le categorie Canzoni Originali e Cover: vincitore nella categoria Canzoni Originali la band dei DistintO, duo milanese dal suono acustico e raffinato, mentre nelle Cover ha trionfato la brava Chiara Marzaroli di Brescia. Alla fine, organizzatori e volontari, pur distrutti dalla fatica che una festa così articolata richiede, guardandosi finalmente, dopo tante corse,  negli occhi hanno potuto riconoscere che gli obiettivi primari della festa, andare cioè Verso l’Altro guardando contemporaneamente Verso l’Alto, stavano cominciando  a coincidere.

 

Comments are closed.