Comments are off for this post

Padre Antonio M. Sicari: il compito della Famiglia oggi

di Michelangelo NASCA

La festa della Sacra Famiglia ci offre anche l’opportunità di riflettere sul mistero della coniugalità e della fecondità umana. I documenti della Chiesa, a tal proposito, ci ricordano l’immagine trinitaria di cui ogni famiglia è depositaria. Un marito può (o meglio “dovrebbe”) guardare la propria moglie e vivere in sé la principale preoccupazione di condurla – attraverso le risorse dell’amore e della grazia di Dio – verso il Signore… analogamente una moglie può guardare il proprio marito con gli stessi sentimenti… il marito e la moglie (indissolubilmente e fedelmente), insieme, guarderanno i propri figli comprendendo l’importanza di garantire ad essi una “dote spirituale”. Se una famiglia vive così, il sacramento del Matrimonio non è un concetto, un’idea astratta, un rito liturgico e basta, ma una reale “comunione di persone”. Una coppia può diventare il “luogo” dove l’Amore di Dio viene celebrato in ogni circostanza della vita coniugale. C’è una “sostanza d’amore” che due innamorati, uniti dal sacramento del matrimonio, dovrebbero imparare a custodire più di ogni altra cosa. Abbiamo chiesto a Padre Antonio Maria Sicari, teologo carmelitano, di chiarire alcuni di questi aspetti:

Quanto è importante che nel mondo si parli di famiglia?
Il luogo dove più emerge la situazione della Chiesa nei riguardi del Mondo e del Mondo nei riguardi della Chiesa, in un determinato momento storico, è la famiglia. In essa Chiesa e Mondo si confrontano sulle questioni fondamentali dell’esistenza. Infatti, il mondo che si è allontanato da Dio, tende inevitabilmente ad immaginare e costruire un’esistenza dove tutto è considerato come preda, come possesso. Così “la famiglia” si trova ad essere contesa tra la Chiesa e il Mondo: da un lato sta la Chiesa che vuole salvare il Mondo (quello creato e amato dal Dio) offrendogli nuovamente “il codice naturale dell’amore interpersonale” che il Creatore ha registrato nella famiglia, incidendolo fino nel corpo dei sui membri. Dall’altro sta un Mondo (quello tutto “posto nel Maligno”) che vuole distruggere la Chiesa, immettendo nella famiglia “il codice dell’uso e del godimento indiscriminato” di uomini e cose, e scardinando i legami comunionali tra le persone.

Che tipo di attenzione viene riservata oggi ai valori cristiani della famiglia?
La tradizionale struttura della famiglia cristiana è espressa dalla triade “indissolubilità, fedeltà, fecondità”. Che questi tre valori siano oggi aggrediti da ogni direzione e in ogni modo è ormai diventata un’esperienza quotidiana. La felicità delle vere coppie cristiane resta oggi negata e derisa (come se non esista e non possa esistere). La leggerezza degli amori spontanei viene, invece, decantata e pubblicizzata. Le tragedie degli amori privi di regole, di cui sono pieni i nostri giornali e le nostre case, vengono raccontate, ma senza che nessuno osi darne un giudizio, perché – a volerlo dare – si tornerebbe ancora all’antica bella triade cristiana, che parla di indissolubilità, fedeltà e fecondità.

Di cosa hanno bisogno le coppie cristiane?
Finora i cristiani che hanno resistito, lo hanno fatto cercando di restare attaccati a una tradizione e ai propri convincimenti morali, facendo appello alle proprie capacità. Riproporre oggi alle coppie i comandamenti e le esigenze della Legge di Dio è senz’altro necessario e utile, ma la resistenza delle nostre coppie sarà sempre più devastata da un’immensa campagna culturale, che ormai considera triste e faticoso ogni appello alle norme e ai doveri. C’è bisogno di coppie (di fidanzati e di sposi) che accettino di verificare con tutto il proprio essere, anche con la propria fisicità, la felicità che Dio promette a chi accoglie la sua natura d’amore.

Di che si tratta?
Si tratta di percepirsi come “incarnazione dell’amore di Dio”: l’uno per l’altro; l’uno con l’altro e, perfino, l’uno senza l’altro (nei momenti della difficoltà e in quelli che esigono l’incondizionato perdono). Le persone che si amano devono riconoscere al “Sacramento coniugale” la forza di comunicare loro una vera “sostanza d’amore”. A tale scopo il Sacramento dev’essere atteso, prima, (senza rubare anticipatamente l’amore) e deve, poi, essere continuamente celebrato, con la decisione cosciente di implicare sempre Gesù Cristo e la sua grazia nelle vicende della coppia e della famiglia.

Che significa per una famiglia vivere fino in fondo il ruolo della maternità e della paternità?
C’è bisogno di coppie che si percepiscano e vivano, fin dall’inizio, in funzione del miracolo più grande: quello di poter far nascere nuovi “figli di Dio”, in famiglie sostanziate di carità. Ci vogliono “Famiglie sostanziate di carità in vista del figlio”, nelle quali il dono della paternità e della maternità (fisica o spirituale) non siano una aggiunta, ma uno scopo che giudica anticipatamente l’essere stesso dell’uomo, della donna e della loro relazione, e provoca gioiosamente il loro “dover essere”, come è accaduto alla Famiglia di Nazareth, dove tutto – l’intera persona di Maria, l’intera persona di Giuseppe, l’intera loro relazione coniugale – era per il Figlio e in vista del Figlio. E a partire da tale relazione Maria e Giuseppe erano interamente se stessi.

Qual è il compito della famiglia nella Chiesa?

Nella Chiesa il compito di ogni famiglia, che voglia essere veramente cristiana, non è soltanto quello di resistere al fascino di un mondo che vorrebbe disgregarla, ma di realizzare se stessa come piccola Chiesa o Chiesa domestica. In tal senso la Famiglia di Nazareth ci indica una strada: quando, infatti, si venera la Santa Famiglia di Nazareth, i tre protagonisti possono essere guardati non solo singolarmente – uno per uno –, ma anche nel loro reciproco rimando: nella santità che essi hanno realizzato rimandandosi reciprocamente all’unico Dio Padre.

 

Fonte: Quotidiano non profit on line korazym.org

Comments are closed.