Comments are off for this post

In Cina vogliono distruggere il santuario della Madonna del Carmine

Già dal 12 maggio scorso il dipartimento provinciale per gli Affari religiosi si è preoccupato di sorvegliare tutti i sacerdoti, “invitandoli” (non è difficile immaginarne le modalità!) a rinunciare alle varie forme di pellegrinaggio. A scoraggiare il flusso dei pellegrini “più ostinati” il governo provinciale ha predisposto una serie di esercitazioni militari (a beneficio di 700 soldati!!!) da effettuarsi nella zona del santuario. Naturalmente tutte le strade d’accesso al santuario sono state bloccate e i passanti vengono rigorosamente controllati e perseguiti.

 

I commenti raccolti da AsiaNews: “È stupefacente quanto hanno fatto”, racconta un fedele; “Questi quadri comunisti locali non conoscono nemmeno le leggi sulla politica religiosa del governo centrale e creano inutili e pericolose tensioni”. “Non cederemo mai” afferma un altro fedele. “Non abbiamo paura e andremo fino in fondo a difendere i nostri diritti legittimi”.

 

Facciamo nostro l’appello dei cristiani di Anyang inviato ad AsiaNews: “Chiediamo a tutti i fratelli sorelle nel Signore di pregare per noi e di diffondere il nostro messaggio anche ad altri fratelli e sorelle nel mondo”.

 

M.N.

  

Comments are closed.