gente_mecTutta l’attività del Movimento Ecclesiale Carmelitano si rivolge verso un orizzonte fondamentale, che riguarda allo stesso modo adulti, giovani e tutti i responsabili: quello di favorire un incontro reale, profondo e duraturo con la persona di Gesù Cristo e, attraverso di Lui, con il mistero della SS. Trinità, che è Padre e Figlio e Spirito Santo. Questo orizzonte si traduce, in senso cristiano, ecclesiale e carmelitano:

–    nell’educazione a un rapporto personale con il Dio vivente
–    nell’educazione a una profonda esperienza di sé, degli altri e delle relazioni;
–    nell’educazione a un certo modo di abitare con profondità tutti gli ambienti della vita quotidiana, secondo il “metodo dell’Incarnazione” (famiglia, lavoro, scuola ecc.);
–    nell’educazione ad alcuni valori cristiani fondamentali (vocazione, amicizia, affettività, accoglienza, carità, missionarietà ecc.)
–    nell’educazione all’esperienza tipica del Movimento (con i suoi appuntamenti, i suoi doni ecc.).

Il Movimento Ecclesiale Carmelitano, nel corso della sua storia, ha sviluppato un metodo educativo che si distingue per il ricorso ad alcuni strumenti e appuntamenti tipici. La proposta educativa del Movimento ruota attorno a tre “pilastri”:

–    la Scuola di Cristianesimo, sviluppata a partire da un testo annuale di riferimento, con il momento della lezione e il successivo lavoro personale di approfondimento;
–    i “gruppi di comunione”, che nascono con la finalità di una condivisione più concreta del testo di Scuola di Cristianesimo, dell’amicizia e della vita personale;
–    la proposta “operativa” di attività caritative, culturali, di servizio alla comunità e missionarie che concretizzino in un lavoro effettivo i contenuti della Scuola di Cristianesimo.

A questa proposta di base, che ogni comunità sviluppa con cadenza settimanale, si uniscono le esperienze annuali e “trasversali” alle diverse comunità, da privilegiare come prioritarie, e che rappresentano momenti necessari per rendere visibile e sperimentabile la dimensione più ampia del Movimento (Esercizi spirituali, Giornate comuni in Avvento e in Quaresima, Itinerari quaresimali dei “Ritratti di Santi”, vacanze comuni, incontri internazionali, pellegrinaggi ecc).