Comments are off for this post

CONTEMPLARE LA PASSIONE DI CRISTO

CONTEMPLARE LA PASSIONE DI CRISTO significa recuperare una tenerezza di sangue!

Una tenerezza capace di vincere il male, di sconfiggere il peccato e la morte.

Passio Christi, conforta me!

Ecco dunque il punto: Dio si è commosso per il nostro niente.  Non solo: Dio ha avuto pietà per la nostra incapacità, per la nostra povertà così evidente, per la nostra meschinità.

Ha visto che non potevamo salvarci da soli ed è venuto.

Ha avuto pietà per me.  Si può aver paura di un Dio che per noi è morto?

Chiediamo al Signore, nei grandi riti della Settimana Santa, che  venga incontro al nostro bisogno e alla nostra fame.  Nel Santo Triduo esprimiamo  la speranza e la certezza che il miracolo dell’Incarnazione, Passione, Morte e Resurrezione di Cristo  soffi via la distrazione e la banalità di tutti i giorni.

Chiediamo alla Madonna Addolorata che ci raggiunga e ci risvegli tutti con la sua materna carezza, che ci guardi  e ci dica: “Coraggio, vai avanti, ancora un passo!”, per arrivare sempre più vicini al Signore, anzi per essere sempre più dentro alla sua  verità e vita.

Gino Toppan, ocd

Comments are closed.