Discorso di Papa Francesco ai partecipanti al III Convegno Mondiale dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Vi accolgo con piacere in occasione del Congresso che state celebrando con il sostegno del Pontificio Consiglio per i Laici. Ringrazio il Cardinale Ryłko, anche per le sue parole, e Mons. Clemens. Al centro della vostra attenzione in questi giorni ci sono due elementi essenziali della vita cristiana: la conversione e la missione. Essi sono intimamente legati. Infatti, senza un’autentica conversione del cuore e della mente non si annuncia il Vangelo, ma se non ci apriamo alla missione non è possibile la conversione e la fede diventa sterile. I Movimenti e le Nuove Comunità che voi rappresentate sono ormai proiettati alla fase della maturità ecclesiale, che richiede un atteggiamento vigile di conversione permanente, al fine di rendere sempre più viva e feconda la spinta evangelizzatrice. Desidero, pertanto, offrirvi alcuni suggerimenti per il vostro cammino di fede e di vita ecclesiale.

Leggi tutto...

Brevi riflessioni sul Messaggio di papa Francesco per il V centenario teresiano: 2. La preghiera
di P. Aldino CAZZAGO ocd

1. Il secondo aspetto della vita e della dottrina di Teresa di Gesù sul quale si sofferma papa Francesco nel suo Messaggio è quello della preghiera. La vita di questa monaca carmelitana di clausura del XVI secolo, pur tra mille travagli affrontati per la fondazione di 16 monasteri, è stata un’esistenza radicata e resa feconda proprio dalla preghiera, vissuta come luogo dell’esperienza dell’amore e della volontà di Dio e verifica dell’amore del prossimo (cfr. Mansioni, 5,3,7-8).

Leggi tutto...

Brevi riflessioni sul Messaggio di papa Francesco per il V Centenario teresiano: 1. La gioia
di P. Aldino CAZZAGO ocd

1. Il primo elemento che, a partire dalla vita di santa Teresa di Gesù, papa Francesco mette in risalto nel suo Messaggio al vescovo di Avila (vedi in questo sito alla data del 18 ottobre) è quello della gioia. È un tema per il quale egli prova una particolare sensibilità e attrattiva, una sorta di simpatia, come dimostrano, prima, il titolo stesso della sua esortazione apostolica Evangelii gaudium, la gioia del Vangelo, poi l’espressione “gioia del Vangelo” che in essa ricorre 5 volte e infine le quasi 80 volte in cui il solo termine “gioia” ricorre nel testo.

Leggi tutto...

di Teresa GENTILONI

Nella splendida cornice della Casa di spiritualità dei Padri carmelitani scalzi di Montecompatri, la casa San Silvestro, si sono svolti gli esercizi spirituali della comunità di Roma, guidati da Padre Damiano per gli adulti e Padre Fabio per i ragazzi. Come nelle altre comunità il tema è stato “il dono della comunione: persona e famiglia”.

Leggi tutto...

Pietralba 2014
Giorni di “intelligenza cristiana” per gli Universitari e i Giovani Lavoratori del MEC
di Giulia BONO

Pietralba 2014. È stata un’altra grande e preziosa opportunità per gli Universitari e i Giovani Lavoratori del Movimento Ecclesiale Carmelitano, provenienti da tutta Italia e qualcuno anche dall’estero, per poter essere sempre più consapevoli e veri nel loro essere cristiani nel mondo. Una “tre giorni” che ci ha permesso di respirare a pieni polmoni la bellezza di vivere la comunità e la grazia di poter ascoltare parole di amore e intelligenza. Si è parlato infatti, con la guida delle meditazioni di P. Antonio, di “intelligenza cristiana”, dove per “cristiana” non si intende un aggettivo qualificativo, ma qualificante.

Leggi tutto...

Mec: Esercizi Spirituali del Nord-Est
di Michele CARUSO

Sono appena terminati gli Esercizi Spirituali dal titolo “Comunione: persona e famiglia” delle comunità del M.E.C. di Treviso, Conegliano e Venezia, tenutisi a Lignano Sabbiadoro dalla sera di venerdì 31 ottobre al pranzo di domenica 2 novembre. L’immagine scelta per illustrare il tema era un particolare del Giudizio Universale del Beato Angelico: i beati che danzano e in un clima di pace e armonia si avviano verso il Paradiso.

Leggi tutto...

Testimonianza di Alberto Pacifici sulla esperienza vissuta in Colombia.

E’ passato poco più di un mese da quando ho lasciato il paese di Norcasia, nella regione rurale di Caldas, in Colombia, con il bus delle 6:30 del mattino. Ho salutato le sue strade dissestate, il parque, ovvero la piazza principale – forse l’unica, per gli occhi di un europeo – e le sue palme pitturate alla base di bianco, giallo, arancione e più alte degli edifici che le fanno da cornice, e i suoi abitanti sorridenti, gioviali e timorosi, e mai diffidenti. Ad abbracciarmi forte, all’arrivederci, l’hermana Yaneth e Tommaso, e il sole. Il sole tropicale, alto in cielo a scandire l’inizio di un altro giorno di verano caliente.

Leggi tutto...

di Michelangelo NASCA

L’autorevolezza, l’esperienza e la cultura di uno dei pontefici più grandi del nostro secolo torna utile anche al termine di questa III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi. La beatificazione di Paolo VI, infatti, proprio in questi giorni, offre alla stampa l’opportunità di rilanciare e veicolare la vita e il pensiero di questo grande protagonista della storia della Chiesa. E così, rileggendo alcuni passaggi o interi discorsi di Papa Montini, le sue encicliche (anche le più controverse), i primi viaggi apostolici e il grande incontro con l’Oriente cristiano, ci viene in mente il grande amore vissuto per la Chiesa e il desiderio dell’unità come aspetto programmatico del suo pontificato. Certamente ci volle coraggio per aprire il Concilio Vaticano II (indetto da Papa Giovanni XXIII), ma non ne servì di meno per portarlo a compimento e concluderlo con Paolo VI.

Leggi tutto...

V CENTENARIO DELLA NASCITA DI SANTA TERESA D’AVILA (1515 - 2015)

Il 15 ottobre, giorno della memoria liturgica di Santa Teresa d’Avila, ha preso avvio il V Centenario teresiano. Nel 1515 ad Avila nasceva infatti colei che sarebbe diventata poi famosa con il nome di Teresa di Gesù e, a partire dalla seconda metà del XVI secolo, avrebbe dato avvio alla riforma dell’Ordine del Carmelo. L’esperienza di Dio che ella racconta e trasmette nei suoi scritti è ancora oggi un riferimento sicuro per tutti i cristiani. Canonizzata nel 1622, Paolo VI nel 1970 l'ha proclamata Dottore della Chiesa. Papa Francesco, che ben conosce gli scritti e la spiritualità di Teresa d’Avila, ha manifestato la sua spirituale partecipazione al V Centenario inviando al vescovo di Avila un suo personale messaggio. Il Movimento Ecclesiale Carmelitano si sente particolarmente interpellato dalle parole di papa Francesco. Di seguito pubblichiamo il testo del suo messaggio (P. Aldino Cazzago ocd)

Leggi tutto...