36° Pellegrinaggio mariano a piedi – «Madre del Vangelo Vivente»

«Madre del Vangelo vivente». È il titolo del pellegrinaggio mariano a piedi che, organizzato dal Movimento Ecclesiale Carmelitano, per la 36° volta raggiunge il Santuario della Madonna della Neve di Adro partendo dalla Madonna della Stella di Cellatica (BS) e dalla chiesa di S. Alessandro in Canzanica, nel territorio di Adrara S. Martino (BG). «Madre del Vangelo vivente» è il titolo, uno tra «i mille nomi che a Maria ha dato l’amore», proposto da papa Francesco nella dolce preghiera che conclude l’esortazione apostolica Evangelii gaudium sull’annuncio del Vangelo nel mondo di oggi. «Madre del Vangelo vivente», perché «all’inizio dell’essere cristiano – lo ha ricordato papa Benedetto XVI – non c’è una decisione etica o una grande idea, bensì l’incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva». «Madre del Vangelo vivente», perché in Maria si raccoglie l’intera storia sacra che nel profeta Elia trovava un prezioso testimone: «Vive il Signore alla cui presenza io sto».

Leggi tutto...

di P. Aldino CAZZAGO ocd

Dal «santo subito» alla canonizzazione

Domenica 27 aprile giungerà a compimento un evento che ha mosso i primi passi venerdì 8 aprile 2005. In quella ventosa mattina, al termine dell’omelia della messa esequiale, da una stracolma Piazza San Pietro si alzava un grido e una richiesta: dichiarare «Santo subito» quel vescovo proveniente «da un paese lontano» col nome di Karol Wojtyła e vissuto a Roma per 26 anni 5 mesi e 17 giorni con il nome di Giovanni Paolo II, quel vescovo che ora migliaia di fedeli accompagnavano per l’ultimo viaggio. Su quella piazza pareva di essere tornati indietro di qualche secolo quando la canonizzazione non passava attraverso un lungo processo, ma era vox populi.

Leggi tutto...

"La Risurrezione comincia adesso". Questa la traccia della giornata di ritiro del Venerdì Santo vissuta dai giovani del MEC del Nord e conclusasi con la via Crucis. Il suggestivo percorso, con partenza dalla bellissima chiesa di San Cristo, che ha visto i ragazzi salire fino sulla torre del Castello di Brescia, ha permesso di ripercorrere e rivivere anche simbolicamente la salita di Gesu' al Calvario. Cristo il cuore del mondo, con la sua morte ha redento tutti i nostri peccati, attendiamo ora la sua Risurrezione affinché la nostra vita possa innestarsi sulla Sua per servire  Lui e tutto ciò che è Suo.

Foto1; Foto2

di Michelangelo NASCA

“365 giorni con Giovanni Paolo II”, San Paolo Edizioni (2009), è un testo curato dal teologo carmelitano e direttore della rivista teologica Communio, P. Aldino Cazzago. Ad un passo dalla canonizzazione del grande Papa Polacco, il testo di P. Aldino Cazzago offre a tutti l’opportunità di ripercorrere il sentiero spirituale tracciato da Karol Wojtyła, raccontando quotidianamente, per i 365 giorni che compongono un anno, i momenti più significativi del suo pontificato. Il libro è, infatti, una sorta di breviario contenente un testo di Giovanni Paolo II per ogni giorno dell’anno. Caratteristica centrale di questa pubblicazione – tradotta anche in lingua francese, spagnola, portoghese e presto in croato e arabo – è il pensiero di Wojtyła, diretto e personale, libero da ulteriori commenti e interpretazioni (talvolta arbitrari e inadeguati).

Leggi tutto...

Due documenti video sull'interpretazione di Pamela Villoresi in ricordo di Giovanni Paolo II, organizzato dal Movimento Ecclesiale Carmelitano di Brescia.

Voce madia Tv (La Voce del Popolo)

L'interpretazione di Pamela Villoresi

L’educazione è un tema antico e vasto quanto l’uomo. Ma nel tempo della post-modernità, un suo profilo sembra aver bisogno più di altri di essere indagato: l’educazione può ancora definirsi – al livello umano e della fede – come legame tra generazioni, come forza di passaggio e trasmissione? L’approfondimento proposto da Dialoghi in questo numero, sulla scia della presentazione del Progetto Educativo per i Giovani del MEC, affronta dunque domande difficili, poste nel contesto della globalizzazione, dell’interculturalità e della liquida ampiezza delle relazioni virtuali: chi sono i giovani di oggi? Quale il senso del loro cammino? E, soprattutto, chi saprà essere per loro compagno di viaggio, testimone credibile del bene e dell’amore?

di Lella TOMASINI

La massima parte di ciò che veramente mi serve sapere su come vivere, cosa fare e in che modo comportarmi l’ ho imparata all’asilo. La saggezza non si trova al vertice della montagna degli studi superiori, bensì nei castelli di sabbia del giardino dell’infanzia. Queste sono le cose che ho appreso: Dividere tutto con gli altri. Giocare correttamente. Non fare male alla gente. Rimettere le cose al posto. Sistemare il disordine.Non prendere ciò che non è mio. Dire che mi dispiace quando faccio del male a qualcuno. Lavarmi le mani prima di mangiare. I biscotti caldi e il latte freddo fanno bene. Condurre una vita equilibrata: imparare qualcosa, pensare un po’ e disegnare, dipingere, cantare, ballare, suonare e lavorare un tanto al giorno. Fare un riposino ogni pomeriggio. Nel mondo, badare al traffico, tenere per mano e stare vicino agli altri. Essere consapevole del meraviglioso.

Leggi tutto...

E poco dopo Luciano, Franca...

“Ciocanari: una campagna piatta e distesa a perdita d’occhio, villaggio rom fatto con casette di fango e pavimenti in terra battuta, una povertà difficile anche solo da immaginare. Superate le casette ci addentriamo nella campagna immersa nella nebbia. Sulla strada bianca corrono bambini malvestiti, bellissimi, e ai cancelli si affacciano donne anziane con il fazzoletto in testa e la gonna lunga fino ai piedi. Beppe costringe la nostra macchina a fermarsi e abbassa il finestrino.

Leggi tutto...

di Michelangelo NASCA

L’attore Vincenzo Bocciarelli conclude le letture quaresimali dedicate ai “Ritratti di Santi” nella chiesa di Santa Maria della Vittoria, a Roma, interpretando il racconto di santità del Servo di Dio Igino Giordani (cofondatore del Movimento dei Focolari di Chiara Lubich). Tre le biografie – scritte dal teologo carmelitano Antonio Maria Sicari – proposte dal Movimento Ecclesiale Carmelitano (di cui P. Sicari è fondatore): Giovanni XXIII, Lucia di Fatima e Igino Giordani. Tre grandi testimonianze di fede cristiana interpretate, anche quest’anno, dagli attori professionisti Giulio Base, Claudia Koll e Vincenzo Bocciarelli.

Leggi tutto...